Dorgali e Cala Gonone

Cuore del Golfo di Orosei e dell’entroterra sardo

 

 

Dorgali e Calagonone, connubio tra costa ed entroterra incontaminati

Dorgali e Calagonone sono punti di riferimento del Golfo di Orosei. Il mare smeraldo e i boschi fitti e incontaminati sono il biglietto da visita che presenteranno ai vostri occhi. Calagonone domina una delle coste più belle e suggestive del Mediterraneo, una delle più lunghe senza insediamenti umani. Una intatta bellezza della natura per tutto il golfo fino alle famose perle di Baunei – Cala Mariolu, Goloritzé e Biriola – anche per il difficile accesso alla costa dove il paesaggio si è conservato integro.

La famosa Grotta del Bue Marino, ultimo rifugio della foca monaca, si può raggiungere via mare o per un tratto di trekking dalla vicina Cala Fuili. Si rimane affascinati dallo spettacolo: laghi sotterranei, stalattiti e rocce dalle forme sinuose mostrano uno scenario che non si dimentica.

Difficile da non amare anche Dorgali, meraviglioso centro situato dietro un’imponente cornice di montagne. I suoi costumi, gli splendidi gioielli in filigrana, le terrecotte, la sua cucina: sono solo alcuni dei motivi che presentano Dorgali in tutto il suo fascino.

E poi le innumerevoli spiagge e calette, Cala Cartoe, la spiaggia di Palmasera, Tziu Martine, Cala Fuili e la fantastica Cala Luna con i suoi grottoni: un mare dai colori indescrivibili completa un quadro ricco di bellezze naturali.

Cala Gonone dista circa 220 chilometri da Cagliari. Sono appena 35, invece, i chilometri che la separano dalla più vicina Nuoro.

Dorgali è un importante centro dell’artigianato sardo e conserva una importante tradizione enogastronomica. Famosa la Cantina di Dorgali.

Da visitare il villagio nuragico di Serra Orrios e la Tomba dei Giganti di S’Ena e Thomes, che custodiscono i segreti del passato dell’Isola.

La Grotta di Ispinigoli, un complesso carsico visitabile da marzo a ottobre, con una stalagmite alta 38 metri. Un spettacolo nello spettacolo.

Raggiungere Dorgali

 

Da CAGLIARI.
Se si arriva dal sud dell’isola ci sono due possibilità, una veloce e comoda dalla cosiddetta “Carlo Felice” la SS 131, l’altra panoramica e molto suggestiva ma più lunga e con numerosi tornanti passando dall’orientale sarda la SS 125.
– Dalla SS 131 la strada è obbligata e dritta per 120 km fino al bivio per Nuoro all’altezza di Abbasanta dove si prende la SS 131 DCN (Diramazione Centro Nord). Da qui si supera anche la città di Nuoro e si prosegue verso Olbia fino al bivio per Dorgali che troviamo dopo 70 km. Infine la SP 38 che dopo 20 km ci porterà a destinazione.
– Dalla SS 125 praticamente si fa tutta la costa orientale dell’isola, da qui il nome dell’orientale sarda, 186 km per più di 3 ore di tragitto, senza considerare le consigliatissime soste, senza prevedere delle soste lungo gli emozionanti panorami sconsigliamo questa strada. Si passa per Villasimius, Costa Rei, Muravera, Barisardo, Arbatax, Santa Maria Navarrese, Baunei, con sosta consigliatissima al bosco attrezzato del Monte Lopene, passando poi per suggestivi paesaggi quasi lunari che ci porteranno fino a Dorgali.

Da Olbia.
Senza dubbio la strada più corta e allo stesso tempo ricca di panorami mozzafiato è il tratto nord dell’orientale sarda la SS125. Un’ora e venti minuti circa per 98 km passando da San Teodoro, Budoni e Siniscola.

Da Sassari.
Non avendo alternative panoramiche, il consiglio è quello di prendere direttamente la SS 131 per 67 km fino a Birori vicino a Macomer, da qui per altri 36 km ci si immette sulla SS 131 DCN prima di Nuoro. Dopo altri 28 km si arriva al bivio per Dorgali dove ci si immette sulla SP 38 che dopo 20 km ci porterà a destinazione.

Da Oristano.
Una volta usciti dalla cittadina ci si immette obbligatoriamente sulla SS 131 in direzione nord, al bivio per Nuoro all’altezza di Abbasanta ci si immette sulla SS 131 DCN. Si prosegue verso Olbia, si supera anche la città di Nuoro fino al bivio per Dorgali che troviamo dopo 70 km. Infine la SP 38 che dopo 20 km ci porterà a destinazione.

I nostri Partners per la mobilità

 

Dove mangiare

Il ristorante “Codula” all’interno dell’albergo “Il Querceto” in via lamarmora, 4 offre tipicità locali preparate con cura da Chef Omar. Per una pizza diversa e soprattutto tipica e arricchita dagli ingredienti di aziende locali consigliamo “Wikipizza” verso il centro del paese in via lamarmora, 87.

Dorgali